SINTROPIA

 

 Immagine_4La ricerca scientifica, condotta autonomamente dalla società OBI TECHNOLOGY, nell’ambito delle FER (Fonti Energetiche Rinnovabili) non si limita ai processi chimico fisici noti quali la "piroscissione molecolare", ma esplora gli effetti poco noti, delle “vibrazioni-suoni”, cui la “materia” reagisce secondo “principi” postulati oltre un secolo fa da Nikola Tesla, Viktor Shauberger e Altri, definita sintropia. In particolare sono state condotte ricerche e studi, sugli effetti delle onde stazionarie cui l’elemento acqua “reagisce” in modi del tutto inconsueti rispetto alla letteratura scientifica consolidata e che tuttavia sono oservabili in natura. Queste ricerche e sperimentazioni, ci hanno condotto a progettare una serie di “macchine” e “sistemi risonanti”, capaci di indurre/convogliare l’energia dell’etere all'intreno di particolari cavità risonanti. Tra i Capostipiti di tali studi e ricerche, Viktor Shauberger postulava di come la “scienza ufficiale”, avesse imboccato la via dell’entropia (esplosiva-distruttiva), piuttosto che la via della sintropia (implosiva-creativa), causa primaria del degrado ambientale. Da questo assunto di “movimento caotico - esplosivo”, è derivata l’ipotesi del tutto teorica e indimostrata, del big bang quale “causa effetto” della formazione dell’Universo, avendone constatato l’espansione, ma senza considerare la “contrazione” che ovviamente, avendo un ritmo non osservabile dall’Uomo, quest’ultimo tende a negarla, non avendone la “comparazione”. Viktor Shauberger era un attento osservatore della natura, essendo un tagliaboschi austriaco, aveva modo di stare a contatto con essa e aveva imparato le “sue” leggi, osservandole. La prima cosa evidente era che ovunque il movimento privilegiato della natura era quello del vortice implosivo. Nei fiumi, l’acqua scorreva sul letto creando piccoli vortici, le galassie sono a forma di vortice, la Natura si manifesta in forma spiraliforme sia nell’ambito botanico che in quello biologico. La deduzione logica che ebbe fu che, se la natura utilizzava questo preciso schema geometrico, doveva avere dei buoni motivi. Shauberger aveva sicuramente anche un background culturale nella scienza dell’etere di Keely o perlomeno era a conoscenza delle antiche scienze insegnate nelle scuole misteriche da millenni; scienze che anche Leonardo Da Vinci conosceva assai bene essendo un alto iniziato di queste scuole. Nei suoi scritti troviamo considerazioni d’altissimo livello sulla fisica dell’etere e Shauberger spiegava con precisione perché l’attuale scienza aveva preso una via completamente sbagliata e autodistruttiva che va contro le leggi della natura stessa. L’etere è l’energia primigenia, la quintessenza da cui tutto ha origine. Questa energia è assimilabile concettualmente a un fluido da cui hanno origine anche le altre forme di energia conosciute come quella elettromagnetica. L’etere che arriva nella nostra dimensione, proviene in realtà dalle dimensioni più alte in particolar modo dalla 4° e 5° dimensione. È un’energia che si sposta nelle dimensioni essendo questa stessa energia a formarle, in base alla frequenza vibratoria. Il suo movimento, come abbiamo detto, è a spirale e ciò significa che se noi mettiamo in movimento spiraliforme della materia, andiamo ad attingere energia aggiuntiva dall’etere stesso che proviene dalla 4° dimensione. Se seguiamo il principio della natura a vortice implosivo, l’etere aggiungerà altra energia al movimento, ma se usiamo i principi contrari sarà l’etere stesso ad opporre resistenza generando entropia.
 
 
 
Quindi:

(1) movimento spiraliforme                                      sintropia

(2) movimento caotico o esplosivo                          entropia

alte frequenze ridotta

Con la sintropia si ha un’aggiunta di energia nel sistema aumentando quindi il livello di ordine. Con l’entropia si ha un degrado di energia con incremento del livello di disordine. Shauberger espresse questo concetto in questi termini: il movimento implosivo detto anche radiale-assiale, tende a muoversi verso il centro, ossia verso un punto comune aggiungendo energia al sistema. Il movimento esplosivo detto assiale-radiale si muove dal centro verso l’esterno disperdendo energia e opponendosi al movimento naturale dell’energia. Queste considerazioni di fatto forniscono le “indicazioni” sulla direzione in cui evolve spontaneamente un sistema. L’errore poi, assume contorni macroscopici quando si leggono pubblicazioni di “fisici quantistici” che correlano anche l'approccio molecolare della meccanica statistica, ancora più intimamente l'entropia al concetto di ordine, e precisamente alle possibili diverse disposizioni dei livelli molecolari e quindi differenti probabilità in cui può trovarsi macroscopicamente un sistema. Oggi tutta l’attuale scienza e tecnologia derivata, è basata proprio sul movimento esplosivo o assiale-radiale. Pensate ai motori delle nostre auto, ci sembrano sofisticati e potenti, consumano litri di benzina per fare pochi chilometri, inquinano e sono rumorosi distruggendo l’ambiente e tutto questo perché? All’interno si ricava energia da un’esplosione e quindi da un degrado energetico irrimediabile. E cosa dire dei motori a turbina? Le turbine sono i cardini della nostra società. Dagli aerei alle centrali elettriche fino ai compressori centrifughi (centrifugo uguale assiale-radiale), il movimento utilizzato è quello esplosivo che tende a separare partendo da un centro in tutte le direzioni. Ovunque ci giriamo c’è un’applicazione contro natura e questo perché la scienza ortodossa è ignara delle leggi di natura ed è costantemente manipolata dagli interessi economici.

 

OBI_Syntropic_Generator

 OBI SYNTROPIC GENERATOR

Trattasi di una "cavità risonante", avente specifiche conformazioni e caratteristiche adeguate agli scopi quali: l’amplificazione-trasmissione del “suono-vibrazione generato" da un motore pompa che mette in movimento dell'acqua, producendo effetti che non sono compresi nella “letteratura scientifica” corrente. La ricerca dimostra quanto sostenuto da Nikola Tesla e Viktor Shauberger relativamente all'energia dell'etere in funzione della sintropia.

Nel prototipo qui a fianco, si osservano i seguenti fenomeni:

- la temperatura dell'acqua, dopo 1 ora dall'accensione: T0 +18 °C T1 +58 °C;

- la temperatura dell'acqua, dopo 2 ore da T0 a T2 +90°C;

- dopo 4 ore dallo "spegnimento" del motore-pompa, la temperatura dell'acqua e dei diversi tubi di collegamento è ritornata ai valori ambientali (26 °C) mentre la testa della 1° cavità risonante, nonostante sia direttamente solidale con il resto del corpo meccanico-metallico, continua a conservare l'energia termica accumulata e rilevata a 48 °C;

Pertanto si può concludere che "l'energia dell'etere accumulata durante il periodo di accensione", ha continuato a manifestarsi sotto forma di energia termica localizzata. Si può quindi concludere che il "seme-memoria", insediatosi nella cavità risonante e raccolto dall'acqua che il più formidabile accumulatore di energia, continua a mostrare la "sua presenza" anche a motore-pompa spento. I prossimi esperimenti, verranno condotti con più cavità risonanti poste in serie, a cui verrà aggiunto un particolare circuito connesso ad un generatore elettrico, con il preciso intento di dimostrare che sia possibile superare i limiti imposti dalle leggi della Termodinamica e quindi l'esistenza della Free Energy.

 

BEDINI WEBGENERATOR RISONANTENon di meno vengono sperimentati circuiti risonanti "elettronici", che ci possano aiutare a implementare gli studi e le ricerche scientifiche. Jhon Bedini, Mark Rodin... piuttosto che Nikola Tesla. In tutti i casi la ricerca si è concentrata sui rapporti che intercorrono tra il Campo Magnetico e l'Elettricità, quale "effetto/prodotto" di particolari condizioni. Altri test sono condotti con adeguati circuiti risonanti, volti a creare le condizioni per cui l'Energia trovi il suo naturale percorso.

 

Questo sito utilizza cookies per monitorare l'attività web del sito. Per avere ulteriori informazioni, consulta la nostra cookie policy. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information